Dedalomultimedia

Rassegna stampa, , ,

Roma – Papa Francesco interverrà alla XXXVII Convocazione del Rinnovamento

È ormai ufficiale. Lo ha reso noto la Segreteria di Stato Vaticana con una lettera inviata al Presidente del Rinnovamento nello Spirito. Una notizia che Salvatore Martinez teneva “in pectore” dal 9 settembre scorso. In quella circostanza, ricevuto in Udienza privata da Francesco presso i Palazzi Vaticani – su richiesta dello stesso Papa, in un colloquio alla scrivania del Pontefice durato circa 30 minuti – Martinez aveva riferito al Santo Padre dell’intenzione di trasferire lo storico raduno del Movimento da Rimini a Roma, per farne un grande evento di evangelizzazione in linea con lo spirito del Pontificato.
In quella circostanza il Papa aveva subito accolto con favore l’idea, rendendosi disponibile ad intervenire. I mesi a seguire hanno visto il Presidente Martinez impegnato con le Autorità competenti (Segreteria di Stato, Coni, Comune di Roma) per sciogliere la riserva e confermare l’organizzazione dell’evento allo Stadio Olimpico. Così è stato all’inizio del mese di dicembre e, poco prima delle festività natalizie, la notizia è stata ufficializzata e ha fatto presto il giro del mondo.
Davvero grande è l’entusiasmo che questo evento sta suscitando, e non soltanto in ambiente ecclesiale. Giova intanto ricordare che il Rinnovamento nello Spirito o Rinnovamento Carismatico Cattolico è il Movimento di spiritualità più diffuso al mondo: secondo il sociologo statunitense David Barret sarebbero oltre 100 milioni i cattolici entrati in contatto con il Rinnovamento, tra simpatizzanti e aderenti.
La scorsa estate, in occasione dell’amichevole tra le Nazionali di calcio d’Italia e di Argentina, svoltasi proprio allo Stadio Olimpico, in molti speravano che il Papa decidesse di presenziare. Così non fu e alla fine le due squadre furono ricevute in Udienza in Vaticano. Ora a giugno, proprio nei giorni in cui si festeggia la Repubblica Italiana, il Vescovo di Roma – come Papa Francesco ebbe a presentarsi al mondo – sarà protagonista di una grande “festa della fede”, in cui migliaia di giovani, di bambini, di ammalati, di famiglie, in definitiva “il popolo di Dio”, saranno coinvolti.
Grande è già la mobilitazione, anche ad opera di parroci, di tanti fedeli non aderenti al Rinnovamento e di tanti laici, che grati per l’occasione loro concessa desiderano unirsi a questo grande evento di preghiera e di evangelizzazione organizzato dal Rinnovamento in risposta al desiderio di Papa Francesco di porre la Chiesa in “uscita” missionaria per testimoniare la gioia del Vangelo. Si attendono 50.000 persone, molte delle quali provenienti da diversi Paesi dei cinque Continenti.
Il fascino di Francesco, si sa, attrae ormai indistintamente credenti e non credenti. Certo lo Stadio Olimpico, con la sua “laica liturgia domenicale”, è luogo di grande aggregazione: per la seconda volta, dopo il Grande Giubileo del 2000 con il Beato Giovanni Paolo II, vedrà affacciarsi un Papa che con rara abilità sa coinvolgere ed entusiasmare le folle.
La presenza di Papa Francesco ad una Convocazione del Movimento sarà fatto storico, inedito nella storia mondiale del Rinnovamento. Ricordiamo che due anni or sono, in occasione del 40° anniversario della nascita del Movimento, Papa Benedetto XVI, alla Vigilia della Solennità di Pentecoste, ricevette il popolo del RnS, con oltre 30.000 persone in Piazza San Pietro, in una speciale Udienza riservata. Così era anche accaduto, in analoga ricorrenza liturgica, anche nel 2004 con Papa Wojtyla. Ma ora, di fatto, è il Papa che si “muove”: sarà la prima uscita romana del Pontefice fuori dall’agenda vaticana che lo ha portato a visitare le Basiliche e le Parrocchie.
Per l’occasione, il Rinnovamento ha predisposto un programma straordinario. Interverranno, infatti, alla Convocazione di Roma, cardinali, relatori e testimoni di fama internazionale. Oltre alla speciale presenza del Santo Padre, hanno già confermato la propria partecipazione alla Convocazione di Roma: il card. Angelo Comastri, vicario del Papa per la Città del Vaticano; il card. Agostino Vallini, vicario del Papa per la diocesi di Roma; il card. Stanislaw Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i Laici; padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia e “ambasciatore” del Rinnovamento nel mondo; Sr. Briege McKenna, religiosa impegnata nel ministero di guarigione; padre Kevin Scallon, ministero di guarigione; Ralph Martin, testimone delle origini del Rinnovamento e noto per il suo ministero di predicazione; Patty Gallagher Mansfield, testimone delle origini del Rinnovamento e ministero d’intercessione; Michelle Moran, presidente dell’ICCRS (International Catholic Charismatic Renewal Services), Gilberto Gomes Barbosa, presidente della CFCCCF (Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities and Fellowships); Salvatore Martinez, presidente del RnS.
Salvatore Martinez, ha così commentato: «La notizia della presenza del Santo Padre alla Convocazione del Rinnovamento suscita in me la gratitudine amorevole di un figlio che guarda la premura, l’affetto, la forza, la libertà del padre. Giova ricordare che sin dall’esordio del suo Pontificato, ed ora attraverso il “documento programmatico” di Francesco, l’Esortazione “Evangelii Gaudium”, il Papa ha richiamato la gioia dell’incontro con Gesù, la bellezza della preghiera, il primato dell’esperienza nel popolo di Dio, la forza spirituale che si sprigiona nell’amare i piccoli e i poveri. Sono questi, in fondo, gli elementi che hanno strutturato il cammino del Rinnovamento nello Spirito e che ne significano la storia e la novità da oltre 45 anni. Il Papa ne è bene a conoscenza, avendo accompagnato il Rinnovamento in Argentina come referente dell’Episcopato. Lui stesso volle ricordarmelo in occasione del nostro primo incontro, 4 giorni dopo la sua elezione. Pertanto, e con tutta umiltà, vogliamo essere ancor più un esaudimento dei desideri del cuore del Pontefice in vista di una nuova globalizzazione dell’amore inteso come misericordia e giustizia. Consapevoli del grande privilegio accordatoci, ci prepariamo con grande cura a questo speciale evento di grazia, invitando tutti a partecipare».